FIGC

DELEGAZIONE REGIONALE CALCIO A 5 SARDEGNA

LEGA NAZIONALE DILETTANTI

Efisio Pilleri, un po’ di storia del futsal isolano

Continuiamo a raccontare le realtà del nostro futsal sardo. Questa settimana intervistiamo Efisio Pilleri, presidente “storico” del Cagliari 2000 e premiato dalla Figc con una benemerenza per la lunga attività. Con lui abbiamo parlato dello sviluppo del calcio a 5 e dell’evoluzione che ha avuto in questi anni nella nostra terra.

La sua società ha una gran bella storia: è stata una delle prime ad aver fatto calcio a 5 nell’isola, quando a metà degli anni Novanta la disciplina ha definitivamente preso piede in tutta Italia, e negli anni si è specializzata nella crescita di giovani calciatori prodotti dal proprio settore giovanile. Un amore unito da una passione sfrenata per il pallone, che il presidente ci trasmette anche in questa chiacchierata.

– Il Cagliari 2000 è una delle società storiche del futsal isolano. Quali sono state le tappe fondamentali della sua storia?

Premetto che in un’intervista di qualche anno fa ne avevo già parlato, in ogni caso quest’anno facciamo il ventennale della società, fondata nel 1996. Abbiamo in programma di organizzare un torneo alla fine dei campionati regolari, cercheremo di farlo di buon livello, sicuramente sarà un torneo giovanile, probabilmente per la categoria Under-21.

– Riguardo alla sua attività all’interno della società invece da quanti anni ci lavora? Con quali mansioni?

Io non sono stato fra i fondatori ma sono stato coinvolto come allenatore nel primo anno di attività, stagione 1996-1997. Siccome venivo da esperienze di allenatore di calcio a 11 mi sono reso conto che il discorso era completamente diverso e che non si poteva fare un paragone, quindi sono passato quasi subito alla dirigenza come amministratore e nella stagione 2003-2004 sono stato nominato presidente.

– Ha fatto anche altre attività nel mondo del calcio? Qual è la sua professione?

Il calcio a 5 prima di fatto non esisteva, io ho fatto il calciatore e successivamente l’allenatore-giocatore, ho militato in diverse società dell’epoca, le più importanti sono state il Santos e il CUS Cagliari, precedentemente nelle giovanili avevo disputato il campionato Allievi con la San Giorgio, vincendolo. La mia prima esperienza da allenatore, anche come giocatore, è stata in una società fondata da Niki Grauso, che ha vinto il campionato ma poi ha venduto il titolo sportivo e non ha più proseguito. Io ero un dirigente pubblico alla Regione Sardegna, adesso sono in pensione, attualmente faccio a tempo pieno il presidente del Cagliari 2000, è un lavoro sempre più difficile e impegnativo, paragonabile alla conduzione di una piccola impresa.

– Come si è avvicinato al calcio a 5? Cosa rappresenta per lei il futsal?

Sono stato coinvolto da degli amici che avevano fondato il Cagliari 2000, prima come allenatore e poi come dirigente, mi sono appassionato subito a questo gioco che ritengo una via di mezzo fra il calcio e il basket, altro sport che a me piace. Il calcio a 5 per me, e non solo per me, è lo sport del futuro, perché ci sono delle cose che il calcio a 11 moderno ha preso dal futsal, come lo stile di gioco del Barcellona, secondo me anche il futuro del calcio a 11 sarà con il tempo effettivo e una maggiore rotazione di cambi.

– Dall’alto della sua esperienza avrà sicuramente vissuto l’evoluzione del calcio a 5. Come ritiene che si sia sviluppato da quando lei ha iniziato e in cosa può ancora migliorare?

In Sardegna il calcio a 5 si è sviluppato moltissimo in questi vent’anni, ha avuto un’evoluzione superiore a quella del calcio a 11. È uno sport tattico, il mezzo di comunicazione essenziale ora è Internet, c’è uno studio continuo. Abbiamo avuto anche un buon aiuto da parte della Federazione, intesa sia come Delegazione del calcio a 5 sia complessiva, dobbiamo molto al presidente Andrea Delpin. Attualmente abbiamo un ostacolo enorme che dev’essere assolutamente risolto, ossia la mancanza di supporto da parte della classe politica e amministrativa. La soluzione, secondo me, sarebbe che i dirigenti sportivi impongano un’amministrazione con un curriculum sportivo ben definito, come si fa negli Stati Uniti. Questo dovrebbe avvenire anche da noi, in ogni caso voteremo esclusivamente per candidati con un curriculum sportivo adeguato, e chiunque vinca deve designare un assessore allo sport che abbia queste caratteristiche.

– Quest’anno la prima squadra gioca in Serie C1. Qual è la situazione attuale della stagione e quali obiettivi vuole raggiungere nell’immediato futuro?

Noi siamo a metà classifica, la stagione è a buon punto e quindi i nostri obiettivi di fatto sono già stati conseguiti, perché principalmente volevamo mettere in campo tanti giovani e mantenere la categoria. Sin da quando la società è stata fondata ha seguito la politica di costruire giocatori e tecnici in casa, questo ci ha dato grandi risultati. A livello giovanile l’Under-21 è seconda in classifica ed è una bella squadra, la metà dei giocatori fanno parte della rosa della prima squadra e questa è una soddisfazione. Nel 2012 abbiamo raggiunto le Final Eight di Coppa Italia eliminando due squadre toscane e facendo le finali a Padova, c’è stata una grandissima soddisfazione. La mission è costruire nel tempo giovani calciatori validi e soprattutto uomini consapevoli e maturi.

– Recentemente ha ricevuto una benemerenza in FIGC a riconoscimento della sua attività…

Ho ricevuto una benemerenza per la quale ringrazio chi mi ha proposto, la benemerenza è una sorta di onorificenza, purtroppo non ho ancora potuto ritirare la medaglia e mi dispiace ma non sono riuscito a liberarmi da un impegno già preso in precedenza. In una piccola società come il Cagliari 2000 il presidente fa di tutto, per cui era impossibile per me riuscire a presenziare anche a causa della mancanza di posti sugli aerei per Roma.

Contatti FB Cagliari 2000: https://www.facebook.com/Cagliari-2000-137805382949667/

Condividi questa news

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

ULTIMI COMUNICATI

COMUNICATO UFFICIALE N 2 – 2021-2022

Attachments COMUNICATO UFFICIALE N 2 Delegazione C5 – 2021-2022 Dimensione del file: 943 KB Download: 92 Rendicontazione-utilizzo-calciatori-U-23-Personale Dimensione del file: 174 KB Download: 29 Rendicontazione-utilizzo-calciatori-U-23-Servizi

COMUNICATO UFFICIALE N 1 – 2021-2022

Attachments COMUNICATO UFFICIALE N 1 Delegazione C5 – 2021-2022 Dimensione del file: 1 MB Download: 115 CIRC1LND Dimensione del file: 128 KB Download: 10 CIRC2LND

ASSICURAZIONI

VADEMECUM PER GLI INFORTUNI SPORTIVI

NORME E REGOLAMENTI

MISSION E GOVERNANCE DELLA LND

MODULISTICA

LA SEZIONE CON TUTTI I MODULI SCARICABILI

Questo sito web utilizza i cookie.

Utilizziamo i cookie all'unico scopo di di monitorare la quantità di visite al sito in forma anonima e per migliorare l'esperienza utente.