FIGC

DELEGAZIONE REGIONALE CALCIO A 5 SARDEGNA

LEGA NAZIONALE DILETTANTI

L’Asso ha piantato… il Campionato

Dopo l’exploit in campionato e la promozione anticipata in B, abbiamo intervistato il giovane presidente Stefano Carta

L’Asso Arredamenti nasce circa 20 anni fa quando furono costruiti, dalla famiglia Carta, i campi da calcetto nella zona di San Lorenzo. La curiosità spinse a iscrivere la squadra al campionato di calcetto, “come si diceva una volta” sottolinea Stefano, con una rosa formata da ex rossoblu storici come Pino Bellini e Gianni Roccotelli che vinsero il campionato e approdarono in serie B.

“All’epoca mio padre – ricorda – era presidente del Selargius Calcio e decise di non fare il campionato di B quindi l’Asso rimase sempre per anni in C. Ci fu una piccola interruzione quando 10 anni fa ci fu la scomparsa di mio zio Beppe fratello di mio padre che gestiva l’impianto sportivo di San Lorenzo e la società.Quattro anni fa mio cognato Lorenzo ebbe la forza di rimettere in piedi nuovamente tutta la società e dal quel di’ non ci siamo più fermati ed eccoci finalmente in B!

– Qualche settimana fa siete stati protagonisti anche voi dell’evento della Final eight: come è stata vissuta l’esperienza, che ruolo avevate, quali difficoltà sono state incontrate?

Bellissima esperienza, vissuta molto intensamente da me e Roberto Camba perché avevamo la responsabilità di portare avanti tutto l’evento . L’Eos Village era lo sponsor principale e aveva in carico tutta l’organizzazione. Penso che siano rimasti tutti soddisfatti anche i membri della Divisione presenti. Prima di ripartire, dopo la cena di Gala all’Asso Café (altro sponsor dell’evento, ndr) ci hanno fatto i complimenti e quindi possiamo dire che siamo stati per così dire promossi.

Bisognerebbe organizzarne almeno una all’anno, sarebbe sicuramente un bene per tutto il movimento del futsal che merita maggiore visibilità.

– Torniamo ora ai giorni nostri: quali sono stati gli ingredienti di questa veloce scalata in B ? 

Mario Mura e’ stata la nostra svolta: e’ inutile dirlo, puoi prendere fior di giocatori ma se non hai un allenatore all’altezza non vai da nessuna parte. Le mie prime parole nella prima chiacchierata fatta con Mario sono state “inizio un grande progetto solo se vieni tu ad allenare l’Asso Arredamenti”. Volevo solo lui, non ho mai pensato di iniziare questa esperienza senza Mario in panchina, una gran persona e un gran tecnico.

– Come hai vissuto il ruolo di giocatore-presidente?

Con massima tranquillità, svestendomi del ruolo nell’occasione in cui dovevo indossare la casacca e ricordandomi sempre di avere una guida intelligente come Mario.

– Qual è stata la sorpresa o la curiosità della stagione?

Sicuramente Gigi Asquer: ha 50 anni e nemmeno li dimostra!

– Perchè non il vostro gioiello Marco Tidu?

Non l’ho citato perchè – sorride – non è stata una sorpresa! Io e Mario Mura ci credevamo dall’inizio. Alla fine della partita tra Mediterranea e Sant’Antioco (stagione 2012-13, ndr) facemmo una battuta allo zio Bebo Orani: “tuo nipote deve venire da noi il prossimo anno”. Scherzi a parte, Marco è una bellissima realtà per l’Asso Arredamenti. E’ prima di tutto un ragazzo educato, professionale, in gamba. Ora per lui, però, iniziano le prove della verità: ha 18 anni e non si può più nascondere. Se capisce che il futsal può dargli tanto, ci sono tante importanti soddisfazioni dietro l’angolo. Ci deve credere di più e maturare.

– Giovani come Marco, quelli che compongono la vostra Under21.

In questo caso, davvero, non pensavamo di costruire una situazione così bella. Abbiamo organizzato la squadra velocemente, cercando ragazzi in giro proprio nell’imminenza dell’avvio del campionato, affidandola a mister Nicola Tidu. Non ho dubbi che anche in qusto caso siamo soddisfatti: Nicola è un tecnico preparato oltre ad essere una persona splendida e disponibile. I ragazzi hanno fatto il resto.

– L’Asso si sta muovendo anche dalla base: oltre all’Under 21, avete un settore giovanile. Che categorie avete? quanti ragazzi in totale?

Abbiamo 40 bambini che si allenano nel nostro impianto. Le categorie sono primi calci, esordienti e giovanissimi. Abbiamo buttato le basi quest’anno, sicuramente bisogna migliorare in molti aspetti. Ci vuole tempo, come tutte le cose..

– Torniamo ai grandi: ora vi tocca la serie B, con quali prospettive?

Una stagione tranquilla per capire di che pasta siamo fatti per un campionato nazionale.

– Resterete a giocare tra Sestu e i campi dell’Asso, oppure avete altre idee?

Se Francesco Agus ci rinnova la disponibilità del suo palazzetto si rimarrà quasi certamente a Sestu, in futuro chi lo sa.

– Una dedica per questa promozione?

Dedicherei la B a chi ha fatto parte della nostra avventura: i ragazzi in campo, i tecnici, i dirigenti. Tutti hanno interpretato al meglio lo spirito che avevamo e tutti hanno saputo vivere questa stagione dando una grandissima mano con entusiasmo e professionalità.

Condividi questa news

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

ULTIMI COMUNICATI

COMUNICATO UFFICIALE N 2 – 2021-2022

Attachments COMUNICATO UFFICIALE N 2 Delegazione C5 – 2021-2022 Dimensione del file: 943 KB Download: 92 Rendicontazione-utilizzo-calciatori-U-23-Personale Dimensione del file: 174 KB Download: 29 Rendicontazione-utilizzo-calciatori-U-23-Servizi

COMUNICATO UFFICIALE N 1 – 2021-2022

Attachments COMUNICATO UFFICIALE N 1 Delegazione C5 – 2021-2022 Dimensione del file: 1 MB Download: 115 CIRC1LND Dimensione del file: 128 KB Download: 10 CIRC2LND

ASSICURAZIONI

VADEMECUM PER GLI INFORTUNI SPORTIVI

NORME E REGOLAMENTI

MISSION E GOVERNANCE DELLA LND

MODULISTICA

LA SEZIONE CON TUTTI I MODULI SCARICABILI

Questo sito web utilizza i cookie.

Utilizziamo i cookie all'unico scopo di di monitorare la quantità di visite al sito in forma anonima e per migliorare l'esperienza utente.