FIGC

DELEGAZIONE REGIONALE CALCIO A 5 SARDEGNA

LEGA NAZIONALE DILETTANTI

Sotto l’Oasi Decimoputzu c’è profumo di C2

Hanno vinto la serie D e non si vogliono fermare. Una società fresca come il nome e dinamica, con radici salde e tanta voglia di sviluppare il futsal sul territorio. Ne abbiamo parlato con il vicepresidente Enrico Piras Raccis

L’Oasi Decimoputzu è una polisportiva che ha più di 30 anni di storia, ad oggi la società sportiva più longeva del nostro paese.
Il settore Calcio a 5 è nato invece nell’estate 2012 grazie alla passione di un gruppo di ragazzi per questo sport, che volevano veder praticato e seguito anche a Decimoputzu.

“Ci rivolgemmo – spiega il vicepresidente Enrico Piras Raccis – alla società Oasi che sino ad allora aveva praticato solo volley, pallamano e basket ed era a tutti gli effetti l’unica società a svolgere le proprie attività nella Palestra Comunale, quella che infatti noi chiamiamo PalaOasi.
Un po’ di titubanza iniziale poi i punti di incontro si trovarono, anche perché dimostrammo da subito voglia di fare le cose e di farle bene, che era proprio quello che voleva vedere il nostro Presidente Sergio Quai, una vita donata allo sport e al sociale”.

Proprio Enrico ci guida alla scoperta di questa interessante realtà sportiva.
– Partiamo dalle basi: come è strutturata la vostra società? 

Un direttivo era già esistente, quindi io ed Alessandro Medda siamo entrati inizialmente come consiglieri, il primo anno. Gli altri fondatori Emanuele Bellu e Carlo Deplano erano comunque “consiglieri”, anche se non ufficialmente. Quattro responsabili del settore.
Dopo un anno di esperienza abbiamo convenuto che il doppio ruolo giocatore-dirigente non andava molto bene e quindi abbiamo deciso che avrei curato io tutti gli aspetti, con loro comunque pronti a darmi una mano qualora fosse servito, così come poi si è verificato.
Intanto in società si creò l’esigenza di eleggere un nuovo Vicepresidente e quindi, su espressa richiesta del direttivo, si fece il nome di uno dei responsabili del settore Calcio a 5, quindi il sottoscritto. Non ci pensai più di tanto e dopo aver accettato fui orgoglioso di diventare vicepresidente dopo solo un anno.

–  Qual è stata la gara in cui avete capito di poter vincere il campionato?
 

In Serie D come saprete per esperienza tutte le partite sono molto combattute, anche quelle che finiscono con punteggio “tennistico”. Qualche convinzione riguardo alle nostre potenzialità la acquistammo dopo le tre partite di Coppa Italia, soprattutto dalla Finale contro il Sibiola Serdiana nella quale dopo 10 minuti perdevamo 2-0, ci riportammo sul 2-2 per poi andare nuovamente sotto 3-2 e finendo per vincere 7-5 dopo i tempi supplementari. Vincere una partita così ti toglie molte energie ma ti fa acquisire anche molta sicurezza sui tuoi mezzi.

La prova di avere una squadra e dei compagni che lottano sino alla fine su ogni pallone, su ogni metro, che si incoraggiano a vicenda.
Poi sicuramente la trasferta di Ussana, vinta 4-3. Anche quella sentitissima e combattutissima ma ripensandoci mai in discussione. Loro sono stati bravi a non darci molta tregua durante tutto il campionato, a starci col fiato sul collo senza mollare mai. È stata una bella lotta, diciamo.

– Potresti individuare qualche elemento fondamentale nel vostro scacchiere?


Persone 
ce ne sarebbero tante, ma parlando a nome di tutto il gruppo senza dubbio i nostri tifosi. Chi era presente ad esempio alla finale di Coppa Italia a Monastir e in trasferta ad Ussana potrà capire perfettamente a cosa mi riferisco. Disputavamo una Serie D eppure moltissime volte sembrava di disputare partite di Champions League. Sono cose che ti ripagano di ogni sforzo, di ogni sacrificio, del sangue e del sudore sul campo e fuori dal campo.
È passione, ed è passione vera e sana, senza altri interessi dietro.

Un episodio in particolare: i tifosi che ci hanno seguito a San Vito, oltre 200 chilometri di distanza, e ci hanno regalato lo striscione “In casa e in trasferta….Noi C siamo”. Cose del genere, giuro, sono difficili da spiegare e ancora oggi quando ci ripenso mi emoziono parecchio. Il nostro era poi un tifo “multietnico”: venivano oltre che da Decimoputzu, anche da Monastir, Serramanna, Villaspeciosa, Assemini, anche qualcuno da Cagliari. Se non sono soddisfazioni queste!

– Immagino non siano mancate nemmeno le situazioni curiose…
 


Tutti gli scherzi fatti tra noi, a discapito di componenti della rosa o ai danni dei componenti dello staff, in particolare del Mister, sempre pronto a ridere e scherzare con noi. Quando non c’era da lavorare ovviamente, in quel caso Gigi Cocco non tollera scherzi, pretende lavoro e concentrazione! 

– Quali sono le difficoltà che avete incontrato? 
 



L’organizzazione interna prima di tutto. Ci sono state delle crepe di assestamento che abbiamo piano piano sanato e che continuiamo a sanare. E ovviamente il lato economico. Una società come la nostra, in particolare il nostro settore, vive di contributi da parte delle attività commerciali. Nel momento che stiamo vivendo tutti ci hanno aiutato come potevano, le spese per acquisto attrezzatura per nuova attività, completini, iscrizione etc. ci sono e vanno sostenute. Ma noi lo sappiamo, Decimoputzu ci ha aiutato perché è con noi, lo era e lo sarà ancora di più, ne siamo sicuri.

– Com’è il rapporto con l’amministrazione di Decimoputzu?
 



Fortunatamente ottimo. Quando sentiamo di società che rinunciano all’attività per via di incombenze o disaccordi con le rispettive amministrazioni comunali siamo allo stesso tempo dispiaciuti ma ci sentiamo fortunati. Ad esempio, alla nostra cena promozione di sabato scorso era presente con noi anche il Sindaco Ferruccio Collu.

– State pensando di costruire un settore giovanile oppure ancora è lontana quell’idea?
 



C’è più che un’idea e ci stiamo informando a tutto campo. Chi pratica il Futsal ed è dentro questo mondo sa perfettamente che un ragazzo cresce bene sia fisicamente che moralmente con questo sport. Questo è il motivo principale che spinge il nostro sogno di avere un settore giovanile. Il secondo fatto è quello puramente “burocratico”: la prossima stagione saremo obbligati ad avere due “under” sempre in distinta e la cosa migliore sarebbe premiare i ragazzi del settore giovanile che di settimana in settimana si distinguono per aspetto tecnico e aspetto comportamentale.
 
– Qualche consiglio/suggerimento per la Delegazione per migliorare i campionati?
 



Ad oggi ancora non ci sentiamo di poter esprimere giudizi. Forse più uniformità di pensiero degli arbitri (consiglio che giriamo all’Aia, ndr) riguardo soprattutto distinte, documenti e scelte sul campo dalle quali comunque non ci siamo mai sentiti favoriti o penalizzati né quest’anno, né l’anno scorso. Solo ripeto, direzionarli verso scelte che siano uguali per ognuno di loro. E forse anche alcuni campi che a determinate condizioni climatiche diventano difficilmente praticabili, ma anche questo è giusto un dettaglio.

– Un pensiero finale?
 
Vi ringraziamo ancora per l’intervista, se c’è qualche incongruenza spero capiate che è dettato dai festeggiamenti che ancora non sono finiti!
Per noi questa stagione è stata fantastica, a detta dei più irripetibile e non sentiamo di esagerare. A s’annu chi benit in C2, saludos de s’Oasi!

Pagina facebook: www.facebook.com/pages/Oasi-Decimoputzu-Calcio-a-5/356927027716361

Condividi questa news

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

ULTIMI COMUNICATI

COMUNICATO UFFICIALE N 2 – 2021-2022

Attachments COMUNICATO UFFICIALE N 2 Delegazione C5 – 2021-2022 Dimensione del file: 943 KB Download: 81 Rendicontazione-utilizzo-calciatori-U-23-Personale Dimensione del file: 174 KB Download: 28 Rendicontazione-utilizzo-calciatori-U-23-Servizi

COMUNICATO UFFICIALE N 1 – 2021-2022

Attachments COMUNICATO UFFICIALE N 1 Delegazione C5 – 2021-2022 Dimensione del file: 1 MB Download: 103 CIRC1LND Dimensione del file: 128 KB Download: 10 CIRC2LND

ASSICURAZIONI

VADEMECUM PER GLI INFORTUNI SPORTIVI

NORME E REGOLAMENTI

MISSION E GOVERNANCE DELLA LND

MODULISTICA

LA SEZIONE CON TUTTI I MODULI SCARICABILI

Questo sito web utilizza i cookie.

Utilizziamo i cookie all'unico scopo di di monitorare la quantità di visite al sito in forma anonima e per migliorare l'esperienza utente.